16 marzo 2017. Giornata di studi Dancing Data. Digital Philosophy in Movement

Giovedì 16 marzo 2017 si terrà una giornata di studi internazionale dal titolo Dancing Data. Digital Philosophy in Movement.

Giovedì 16 marzo 2017
Aula Levi della Vida
Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo
Ex Vetrerie Sciarra, Via dei Volsci, 122 – Roma

Scarica la locandina
Dancing Data. Digital Philosophy in Movement
a cura di Aleksandra Jovicevic, Vito Di Bernardi e Letizia Gioia Monda
Dottorato di Ricerca in Musica e Spettacolo – Sezione Spettacolo.

La giornata di studi vedrà la presenza di alcuni dei più autorevoli esperti del fenomeno contemporaneo che ruota intorno la digitalizzazione del pensiero coreografico. La giornata di studi si aprirà con il seminario di Scott deLahunta (Deakin University, Australia; Coventry University, UK) – direttore dell’iniziativa Motion Bank/ Forsythe Company, 2010-2014 – il quale esporrà alcune questioni cruciali relative alla riorganizzazione e ricontestualizzazione dell’ontologia della danza attraverso il suo processo di digitalizzazione. La lezione si focalizzerà sui possibili cambiamenti indotti da questo fenomeno analizzando e interrogandosi sul impatto che la digitalizzazione della danza potrebbe avere in ambito artistico così come in quello accademico. Alcuni temi che verranno affrontati saranno: la relazione con lo spettatore; l’educazione della danza; lo scambio interdisciplinare. Seguiranno una serie di interventi che ci condurranno a osservare il processo di digitalizzazione dell’arte della danza da diverse prospettive metodologiche e disciplinari. Da Stamatia Portanova (L’Orientale Università di Napoli) che partendo da alcune considerazioni di Gilles Deleuze e Alfred N. Whitehead, ci esporrà come in realtà il digitale sia di per sé una filosofia. Portanova ci condurrà attaverso lo studio della digital philosophy analizzando alcuni lavori di Loie Fuller e Merce Cunningham, di William Forsythe e Bill T. Jones. L’intervento di Enrico Pitozzi (IUAV, Università di Venezia) proponendo invece un approccio multimodale, intrecciando tre prospettive metodologiche (fisiologia, filosofia e studi sulla danza), reinterpreterà esistenti concezioni teoriche relative al concetto di corporalità all’interno dell’arte performativa contemporanea e di performance in cui è presente la componente tecnologica. Luca Ruzza (La Sapienza Università di Roma), presenterà l’intervento Choreography and Pixels: Searching Common “Nature”. Natura Sonoris. Elizabeth Waterhouse (Universität Bern), esporrà una prospettiva critica tra teoria e pratica che nasce dalla sua esperienza come ricercatrice ed ex danzatrice della Forsythe Company. Descriverà i molteplici aspetti da affrontare nella digitalizzazione del pensiero-coreografico che nutre la pratica di una compagnia di danza, ma come anche questo processo di digitalizzazione possa condurre ad aprire un dialogo tra danzatori e con altri domini della conoscenza. Infine Eva-Maria Hoerster (Hochschulübergreifendes Zentrum Tanz Berlin) presenterà una prospettiva interna alla pratica della danza, mettendo l’accento su pratiche e processi artistici e pedagogici interdisciplinari, analizzando pre-esistenti metodologie e nuove condizioni di art-making, sottolineerà come questi nuovi processi vadano oggi costantemente destabilizzando la nozione di ciò che la danza potrebbe essere. La giornata di studi si concluderà con una tavola rotonda in cui interverranno tutti i relatori moderati da Letizia Gioia Monda. L’evento, interamente in lingua inglese, sarà aperto al pubblico interessato.

DANCING DATA. DIGITAL PHILOSOPHY IN MOVEMENT

h 11.00 introduce
Scott deLAHUNTA, , (Deakin University, Australia; Coventry University, UK) direttore del progetto Motion Bank/ The Forsythe Company 2010-2014 con il seminario:
Dance Data: Libraries and Processes
Pausa h 13.00 – 14.30
Intervengono dalle h 14.30 alle 18.00:
Stamatia PORTANOVA (L’Orientale, Università di Napoli) – Moving without a Body
Enrico PITOZZI (IUAV, Università di Venezia) – The Forms of Presence: Body, Sound and Technologies
Luca RUZZA (Sapienza Università di Roma) – Choreography and Pixels: Searching Common “Nature”. Natura Sonoris
Elizabeth WATERHOUSE (Universität Bern) – Reeling Digital Sources: Dancing Together in
Ballet Frankfurt / The Forsythe Company
Eva-Maria HOERSTER (Hochschulübergreifendes Zentrum Tanz Berlin) – Destabilizing Dance – Perspectives from
Dance Education and Practice
h 18.00 – 18.30
Tavola rotonda con i relatori
modera: Letizia Gioia MONDA (Sapienza Università di Roma)
a cura di: Aleksandra Jovicevic, Vito Di Bernardi e Letizia Gioia Monda

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...